........attendi qualche secondo.

#adessonews solo agevolazioni personali e aziendali.

per le ricerche su Google, inserisci prima delle parole di ricerca:

#adessonews

Siamo operativi in tutta Italia

 

Il governo Meloni vara il “Patto per la Terza età”: le nuove misure per gli anziani #adessonewsitalia

Via al “Patto per la Terza età“. Su proposta della premier Giorgia Meloni, del Ministro del lavoro e delle politiche sociali Marina Calderone e del Ministro della salute Orazio Schillaci, il Consiglio dei Ministri ha approvato un nuovo disegno di legge che rafforza le misure a favore degli anziani nel nostro Paese, ponendo le basi di una riforma più complessiva delle politiche in favore degli anziani e contro la loro marginalizzazione. Diversi gli interventi relativi alla salute, all’assistenza sociale, assistenziale e relazionale.

“Gli anziani non sono solo parte delle nostre famiglie, ma rappresentano il cuore stesso della società e un patrimonio di valori, tradizioni e conoscenze prezioso per la nazione. Avere cura degli anziani significa avere cura di tutti noi” ha detto la premier Meloni commentando la riforma.

In Italia c’è davvero un problema con le pensioni: cosa dicono i dati

Quanti anziani ci sono in Italia e le previsioni per i prossimi anni

A guardare le ultime previsioni Istat sul futuro demografico del Paese, non c’è da rallegrarsi. I dati, aggiornati al 2021, confermano la presenza di quello che l’Istituto statistico definisce “un potenziale quadro di crisi”. In Italia la popolazione residente è in decrescita: da 59,2 milioni al 1° gennaio 2021 passerà a 57,9 milioni nel 2030, a 54,2 milioni nel 2050 e a 47,7 milioni nel 2070.

Il rapporto tra individui in età lavorativa (15-64 anni) e non (0-14 e 65 anni e più) passerà da circa 3 a 2 nel 2021 a circa 1 a 1 nel 2050. In Italia, entro 10 anni in 4 Comuni su 5 ci si attende un calo di popolazione, in 9 su 10 nel caso di Comuni di zone rurali. Aumenteranno le famiglie, ma con un numero medio di componenti sempre più piccolo. Meno coppie con figli, più coppie senza: entro il 2041, 1 famiglia su 4 sarà composta da una coppia con figli, più di 1 su 5 non ne avrà.

Dall’altro lato, si osserva come, al 1° gennaio 2021, i centenari residenti in Italia sono ben 17.177, di cui l’83,4% da donne. Dal 2009 al 2021 le persone di 100 anni e oltre sono passate da poco più di 10mila a 17mila. La maggior parte delle persone di almeno 105 anni di età risiede nel Nord Italia: 284 nel Nord-ovest e 243 nel Nord-est, al Sud sono 238, al Centro 225 e nelle Isole 121.

Quelle di 105 anni e oltre sono più che raddoppiate (+136%), passando da 472 a 1.111. Sono 1.111 gli individui residenti che hanno raggiunto e superato i 105 anni di età, circa 9 su 10 sono donne. 17 donne sono persino diventate supercentenarie, raggiungendo e superando i 110 anni di età.

Lato assistenziale, al 31 dicembre 2020 sono stati censiti 12.630 presidi residenziali in Italia, con un’offerta di circa 412mila posti letto: in pratica, 7 ogni 1.000 persone residenti. Gli ospiti nelle strutture residenziali ammontano complessivamente a 342.361, ultra 65enni in 3 casi su 4. L’offerta è maggiore nel Nord-est, con 9,9 posti letto ogni 1.000 residenti, mentre al Sud supera di poco i 3 posti, con appena il 10% dei posti letto complessivi. I lavoratori impiegati in queste attività sono più di 343mila, a cui vanno aggiunti oltre 35mila volontari.

L’essenziale figura del caregiver: chi è, requisiti e agevolazioni

Lato familiare, è sempre più fondamentale la figura del caregiver, colui che presta le cure a un familiare malato e non autosufficiente. In Italia, sono oltre 8 milioni le persone che, gratuitamente, si prendono cura di un genitore malato o di un familiare non autonomo.

Il problema però è che nel nostro Paese la figura del caregiver non è ancora riconosciuta legalmente in maniera puntuale, e chiunque potenzialmente potrebbe diventarlo, visto che spesso si tratta di una condizione improvvisa che le famiglie sono chiamate a gestire.

Oggi per farsi riconoscere come caregiver serve rispettare alcuni requisiti:

  • l’assistenza alla persona non autosufficiente deve essere svolta gratuitamente e per un periodo continuativo
  • l’assistito deve essere riconosciuto come portatore di handicap grave
  • il riconoscimento di caregiver può essere concesso ad un solo familiare dell’assistito
  • l’assistente familiare deve essere nominato dall’assistito.

Il caregiver ha diritto ad alcune – poche – agevolazioni:

  • legge 104: permessi singoli per i dipendenti di un’azienda nel caso in cui assistano famigliari con disabilità gravi entro il 2° grado di parentela
  • Bonus caregiver
  • detrazioni fiscali per assistenza: nel caso in cui il reddito dell’assistito sia inferiore a 2.830,51 euro all’anno, risulta fiscalmente a carico dei propri famigliari, che ottengono così il diritto ad una detrazione sull’Irpef, tanto maggiore quanto più basso è il reddito familiare.

Le agevolazioni per tutti coloro che si trovano in condizioni di non autosufficienza sono diverse e vanno dal riconoscimento dell’invalidità – cosiddetta legge 104 – all’indennità di accompagnamento fino alla detrazione delle spese mediche.

Cessione del quinto, brutte notizie per i pensionati

Patto per la Terza età: cosa prevede, tutte le misure del governo Meloni

Evidente, quindi, che sarà sempre più essenziale fornire agli anziani altre forme di assistenza. La riforma oggetto di legge è volta ad attuare le norme della Legge di bilancio 2022 e, con specifico riferimento alla categoria degli anziani non autosufficienti, a realizzare uno degli obiettivi del Piano nazionale di ripresa e resilienza (PNRR).

Il provvedimento muove dal riconoscimento del diritto delle persone anziane alla continuità di vita e di cure presso il proprio domicilio e dal principio di semplificazione e integrazione delle procedure di valutazione della persona anziana non autosufficiente.

Con la nuova legge, spiega il Governo Meloni, l’Esecutivo agisce su vari fronti. Ecco le novità:

  • vengono allargate le cure palliative per alleviare il dolore delle persone malate, favorendone la somministrazione sia a livello domiciliare che presso gli hospice
  • viene potenziata l’assistenza domiciliare con progetti individualizzati, per scongiurare l’effetto “parcheggio” degli anziani in Rsa e strutture sanitarie: vengono integrati gli istituti dell’assistenza domiciliare integrata (ADI) e il servizio di assistenza domiciliare (SAD).
  • vengono creati “punti unici di accesso” (PUA) diffusi sul territorio: si potrà effettuare, in una sede unica, una valutazione multidimensionale finalizzata a definire un “progetto assistenziale individualizzato” (PAI) che indicherà tutte le prestazioni sanitarie, sociali e assistenziali necessarie per la persona anziana
  • agli strumenti economici già previsti per la non autosufficienza viene aggiunto un nuovo pacchetto di interventi di prestazioni socio-sanitarie
  • arrivano nuovi incentivi per forme rinnovate di co-housing: promozione di nuove forme di coabitazione solidale per le persone anziane e di coabitazione intergenerazionale, anche nell’ambito di case-famiglia e condomini solidali, aperti ai familiari, ai volontari e ai prestatori di servizi sanitari, sociali e sociosanitari integrativi
  • più servizi e ausili per gli anziani in condizione di maggiore fragilità
  • maggiore tutela per i caregiver
  • promozione di misure a favore dell’invecchiamento attivo e dell’inclusione sociale.
  • sostegno al cosiddetto “turismo lento”.

Clicca qui per collegarti al sito e articolo dell’autore

“https://quifinanza.it/economia/video/governo-meloni-vara-patto-terza-eta-nuove-misure-anziani/688048/”

Pubblichiamo solo i migliori articoli della rete. Clicca qui per visitare il sito di provenienza. SITE: the best of the best ⭐⭐⭐⭐⭐

Clicca qui per collegarti al sito e articolo dell’autore

La rete Adessonews è un aggregatore di news e replica gli articoli senza fini di lucro ma con finalità di critica, discussione od insegnamento, come previsto dall’art. 70 legge sul diritto d’autore e art. 41 della costituzione Italiana. Al termine di ciascun articolo è indicata la provenienza dell’articolo. Per richiedere la rimozione dell’articolo clicca qui

#adessonews

#adessonews

#adessonews

 

Richiedi info
1
Richiedi informazioni
Ciao Posso aiutarti?
Per qualsiasi informazione:
Inserisci il tuo nominativo e una descrizione sintetica dell'agevolazione o finanziamento richiesto.
Riceverai in tempi celeri una risposta.