........attendi qualche secondo.

#adessonews solo agevolazioni personali e aziendali.

per le ricerche su Google, inserisci prima delle parole di ricerca:

#adessonews

Siamo operativi in tutta Italia

 

Pensione febbraio 2023, gli aumenti slittano a marzo: la spiegazione, i nuovi importi e il calendario #adessonewsitalia

Aumenti sì, ma non per tutti. Novità in arrivo per le pensioni di febbraio 2023 per le quali erano previste le rivalutazioni degli assegni. L’Inps erogherà a marzo la rivalutazione e gli arretrati per le pensioni superiori a 2.101,52 euro (pari a quattro volte il minimo). Lo precisa l’Istituto in una nota nella quale ricorda che per gli assegni fino a questa cifra si è erogata già da gennaio la rivalutazione rispetto all’inflazione del 100%. «Dal 1ø gennaio, si legge in una nota, l’Inps ha provveduto ad attribuire la rivalutazione delle pensioni e delle prestazioni assistenziali nella misura del 100% a tutti gli utenti che abbiano ottenuto in pagamento, nell’anno 2022, rate di pensione per un importo inferiore o uguale a € 2.101,52 (quattro volte il trattamento minimo). Per tutti gli altri pensionati, nel mese di marzo 2023, l’Inps procederà ad attribuire la perequazione in percentuale in base all’importo annuale in pagamento, come previsto dall’art. 1 comma 309 della legge di bilancio. Nel mese di marzo saranno inoltre posti in pagamento anche gli arretrati riferiti ai mesi di gennaio e febbraio 2023».

APPROFONDIMENTI

 

I tempi

I tempi a gennaio però erano troppo ridotti per permettere all’Inps di adeguare il calcolo con l’assegno già di gennaio. E neanche applicare le vecchie regole era consigliato. Così infatti, i pensionati avrebbero goduto di un incremento maggiore rispetto a quello previsto dalla normativa vigente, con l’Inps che in un secondo momento avrebbe dovuto effettuare una trattenuta dalla pensione. Per evitarlo, sono stati congelati gli aumenti, riconoscendoli solo a chi era stato rivalutato al 100%. Gli altri, aveva spiegato l’Inps, avrebbero dovuto aspettare «la prima rata utile al momento di approvazione della norma».

La prima data utile però non sarà quella di febbraio. I pensionati che hanno controllato l’importo dell’ultimo cedolino hanno potuto verificare che con ogni probabilità il famoso aumento arriverà a marzo, quando verranno riconosciuti anche gli arretrati dei mesi precedenti.

La spiegazione

L’Inps ha avuto poco tempo per mettere in atto la nuova rivalutazione già nel cedolino di febbraio, visto che l’elaborazione è stata effettuata intorno al 10 di gennaio. Normali rallentamenti burocratici, quindi, che dovrebbero essere risolti in tempo per riconoscere gli aumenti della rivalutazione nel prossimo cedolino, in pagamento il 1° marzo 2023.

Gli adeguamenti spettavano dal 1° gennaio 2023 ma la Manovra è entrata in vigore lo stesso giorno, per cui l’Inps ha rimandato al cedolino pensione di febbraio l’accredito degli aumenti per gli importi superiori a 4 volte il minimo (2.101,52 euro lordi al mese). 

Molti pensionati (i titolari di assegni inferiori a 2.692 euro lordi) comunque avevano già ricevuto nell’ultimo trimestre del 2022 un anticipo della quota di rivalutazione pari al 2% di quanto sarebbe spettato da gennaio 2023. Questi ultimi devono scorporare dal cedolino la quota di aumento che avevano già ottenuto e poi applicare il tasso di rivalutazione spettante per ogni fascia pensionistica:

– fino a 5 volte il TM (circa 2.625 euro lordi): 85% (aumento 6,2%)
– tra 5 e 6 volte il TM (tra 2.625 e 3.150 euro lordi): 53% (aumento 3,8%)
– tra 6 e 8 volte il TM (tra 3.150 e 4.200 euro lordi): 47% (aumento 3,4%)
– tra 8 e 10 volte il TM (tra 4.200 e 5.250 lordi): 37% (aumento 2,7%)
– oltre 10 volte il TM (oltre 5.250 euro lordi): 32% (aumento 2,3%)

Pensioni, giovane di 25 anni dovrà lavorare per 46 anni: le simulazioni Inps. Come verificare la propria posizione

Il calendario di febbraio

Il pagamento della pensione di febbraio 2023 scatta da mercoledì 1 febbraio. Presso gli uffici postali, la pensione può essere prelevata in contanti. Ecco il calendario:

mercoledì 1 febbraio per i cognomi dalla A alla B;
giovedì 2 febbraio per i cognomi dalla C alla D;
venerdì 3 febbraio per i cognomi dalla E alla K;
sabato 4 febbraio (solo la mattina) per i cognomi dalla L alla O;
lunedì 6 febbraio per i cognomi dalla P alla R;
martedì 7 febbraio per i cognomi dalla S alla Z.

Clicca qui per collegarti al sito e articolo dell’autore

“https://www.ilgazzettino.it/economia/news/pensione_febbraio_2023_marzo_aumenti_rivalutazione-7187644.html”

Pubblichiamo solo i migliori articoli della rete. Clicca qui per visitare il sito di provenienza. SITE: the best of the best ⭐⭐⭐⭐⭐

Clicca qui per collegarti al sito e articolo dell’autore

La rete Adessonews è un aggregatore di news e replica gli articoli senza fini di lucro ma con finalità di critica, discussione od insegnamento, come previsto dall’art. 70 legge sul diritto d’autore e art. 41 della costituzione Italiana. Al termine di ciascun articolo è indicata la provenienza dell’articolo. Per richiedere la rimozione dell’articolo clicca qui

#adessonews

#adessonews

#adessonews

 

Richiedi info
1
Richiedi informazioni
Ciao Posso aiutarti?
Per qualsiasi informazione:
Inserisci il tuo nominativo e una descrizione sintetica dell'agevolazione o finanziamento richiesto.
Riceverai in tempi celeri una risposta.